L’ANAC riscrive gli obblighi di pubblicazione per le PA e per tutte le società pubbliche

Visite: 283

di Andrea Bufarale

Con la delibera n. 1134 dello scorso 8 Novembre, l’autorità nazionale anticorruzione (ANAC) ha adottato le “Nuove linee guida per l’attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza  da  parte  delle  società  e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici”.  Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta…

Innanzitutto l’ANAC distingue tre livelli di applicazione delle nuove norme in attuazione del c.d. FOIA:

- le pubbliche amministrazioni;

- i soggetti con un livello di connessione maggiore con la Pa, come le società controllate;

- gli altri soggetti, come le semplici partecipate, che svolgono attività di pubblico interesse ma non sono assimilabili alla Pa.

Secondo l’autorità guidata dal presidente Catone, queste ultime applicano solo le norme in materia di trasparenza e non tutte le regole vigenti in tema di prevenzione della corruzione.

Nei prossimo mesi andrà comunque valutato l’aspetto pratico nell’applicazione delle linee guida in quanto in taluni aspetti, le stesse lasciano margine di interpretazione senza riuscire a tracciare un solco netto. In particolar modo sulle nozioni di società controllate, in house anche perché tali considerazioni vengono svolte anche considerando la corposa normativa europea in materia.

Importante sarà comunque la prima vera e propria scadenza del 31 Gennaio 2018: entro tale termine, infatti, l’Anac eserciterà i propri poteri di vigilanza sul rispetto degli obblighi ed è proprio per quel giorno che tutti i soggetti coinvolti avranno dovuto adottare il c.d. modello 231, ovvero il modello organizzativo che consente di prevenire la corruzione con il quale bisognerà fissare le regole interne per le domande di accesso agli atti e definire quali sono le attività di pubblico interesse (ovvero stabilire quali attività delle società coinvolte siano legate alla pubblica amministrazione lasciando pertanto scattare i controlli dell’autorità).

Visto che la legge non ammette ignoranza, l’Anac ha altresì finalmente aggiornato (come allegato alla delibera) la lista dettagliata di tutti i documenti soggetti all’obbligo di pubblicazione da inserire della sezione “amministrazione trasparente”: le società controllate dalla Pa dovranno, ad esempio, pubblicare i dati sui loro beni immobili e sulla gestione del patrimonio, contributi, sussidi e altri vantaggi economici ottenuti a qualsiasi titolo dalla Pa.


Effettua il Login o Registrati al portale per scaricare la documentazione allegata

Contattaci via mail per qualsiasi altra informazione.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna