Il danno erariale per mancato adeguamento dei canoni di affitto è escluso per gli immobili concessi a fini sociali

Visite: 656

di Andrea Bufarale

Questa è la decisione della Corte dei Conti per la Regione Lazio con Sentenza n. 403 del 28/12/2017.

La vicenda

La Procura Regionale della Corte dei Conti citava in giudizio diversi dirigenti e funzionari di Roma Capitale per non aver provveduto, all’applicazione del canone di mercato ed alla completa regolarizzazione della procedura concessoria nella “locazione” di un immobile al Consiglio Italiano per i Rifiugiati.

Il procuratore regionale aveva infatti ravvisato nella condotta dei dirigenti “sia la colpa grave che il nesso di causalità tra la condotta e le mancate entrate ingiustificatamente subite dall’amministrazione comunale, con esclusione di ogni riduzione dell’addebito”.

La decisione

In sede di udienza finale, il procuratore regionale, considerato che l’associazione aveva comunque provveduto a versare circa il 20% del canone di mercato e di precedenti decisioni della medesima corte rinunciava alla prosecuzione del giudizio: tale richiesta veniva accolta dai giudici contabili, dichiarando il non luogo a procedere nei confronti delle dirigenti convenute,  in quanto la fattispecie del  danno erariale non si configura  quando si tratti di operazioni effettuate per la gestione di immobili del patrimonio comunale destinati a fini “sociali”.

© Codice Concorsi Pubblici - Riproduzione Riservata


Effettua il Login o Registrati al portale per scaricare la documentazione allegata

Contattaci via mail per qualsiasi altra informazione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna